primo piano 2

P09053327

Il Cristo Che

di Adolfo Mollichelli

Chiedetegli chi erano i Beatles ed i ragazzi di oggi vi risponderanno subito, Chiedetegli chi fu Guevara e molti esiteranno. Penny Lane è più vicina di Villagrande. Lo mostrarono al mondo in una fotografia straziante. Stava di piedi come il Cristo del Mantegna. Con le mani amputate. Per ordine del dittatore boliviano Barrientos per dare modo alla polizia argentina di identificarlo con il riscontro delle impronte digitali. Era il corpo martoriato di Ernesto Guevara de la Serna, il Che, giustiziato il 9 ottobre del 1967 nel villaggio andino de La Higuera, il posto dei fichi. Il 14 maggio aveva compiuto 39 anni. I corpi del Che e di sei dei suoi compagni furono gettati in una fossa comune. Furono ritrovati trent’anni dopo, il 28 giugno del 1997. Da allora il Che e i suoi guerriglieri riposano in un mausoleo nella città di Santa Clara.

continua a leggere...

z1vb1

L’inferno di Papa Francesco

 di Vittorio Feltri

Anche io come quasi tutti gli italiani sono cresciuto in parrocchia e all’ oratorio. La mia formazione è stata di tipo cristiano e non ho di che lamentarmi. Anzi. I preti mi hanno aiutato e sono loro grato. Capisco Eugenio Scalfari che, avendo superato i 90 anni, abbia voglia di conversare con il Papa, capo della Chiesa e quindi autorizzato a discettare dell’ aldilà e dell’ aldiquà. Alla fine dell’ esistenza qualche dubbio e qualche speranza vengono a tutti. Continua a leggere

29214944_10155574975602545_3612352896512819200_n

No, non erano fascisti rossi

di Giuliano Ferrara -

Ho saputo che era stato rapito nell’atrio della Federazione comunista di Torino, di ritorno da un viaggio a Roma per una riunione alle Botteghe Oscure. Sono passato davanti a via Caetani, che dalle Botteghe Oscure è a due passi, la mattina in cui i suoi assassini l’hanno depositato come un agnello in una Renault rossa, perché andavo a prendere il tassì per Fiumicino tornando a Torino dove vivevo e lavoravo come dirigente comunista e responsabile dell’antiterrorismo. Erano passati cinquantacinque giorni, il tempo dell’unica vera tragedia nazionale vissuta dalla mia generazione. Continua a leggere

reddito-minimo-cittadinanza-777x437

Il suicidio della pacificazione

di Emiddio Novi

La grande finanza, come i Cinquestelle, sogna una società anestetizzata dal reddito di cittadinanza. Grillo propone una società senza lavoro perché, dice, abbiamo una capacità produttiva che è di gran lunga superiore alle nostre necessità “. E allora nel nostro futuro ci saranno, secondo Grillo, due società. Ci sarà la minoranza di quelli lavoreranno e saranno produttivi. Poi, tutti gli altri, che vivranno di assistenza. Continua a leggere

Primo Piano

Virginia e Ginevra De Masi

E’ tutto oro quello che luccica

di Mino Cucciniello

 Tante stelle nel cielo di Posillipo ad illuminare la festa di I’M, che per molti napoletani e non solo è la serata più attesa dell’anno grazie al suo glamour che la circonda. La bella e patinata rivista, che si può trovare gratuitamente in tutti gli alberghi, ristoranti, circoli e negozi più esclusivi della città, fa capo all’editore Maurizio Aiello quest’anno ha festeggiato il suo decimo anniversario. E proprio per questo importante traguardo l’editore ha impiegato tutte le sue energie organizzative, unitamente a sua moglie Ilaria Carloni direttore responsabile di I’M, affinché la serata si svolgesse nel migliore dei modi. Continua a leggere

32676342_1021247634690792_2874669525867954176_n

Il Premio Mediterraneo
a Franceschini, De Iesu e Vanoni

 di Mino Cucciniello 

 Il Mamt, il museo della pace si trova in via Agostino Depretis angolo piazza Municipio, occupa cinque piani di un ala del palazzo dove c’era l’hotel de Londres  e  Ambasciatori, chiuso alla fine degli anni settanta, travolto dalla crisi del turismo che, purtroppo, in quegli anni coinvolse Napoli, sebbene l’albergo era tra i più grandi ed importanti della città. Continua a leggere

Santina Improta

Una Sirena al Savoia

di Mino Cucciniello

Dopo tante feste organizzate in casa, questa volta Santina Improta, per il gran numero di invitati, ha voluto festeggiare il suo compleanno nei saloni del Circolo Savoia. Tra amici di ieri di oggi storici e nuovi, tantissimi hanno aderito al gradito invito e  sono voluti essere presenti  a questo importante appuntamento della festeggiata, che per l’occasione ha indossato un bell’abito a tubino color rosa cipria che le ha esaltato il già perfetto fisico tanto da farla paragonare ad una sirena giunta sugli scogli di Santa Lucia proveniente dalla sua amata Filicudi. Continua a leggere

Rileggiamo

AFP_XC6UZ-0313-kNuC-U2401069799342XIB-620x349@Gazzetta-Web_articolo

Il vile & L’inchino

 di Adolfo Mollichelli -

E’ indice di stupidità ritenere di avere una risposta per ogni domanda ed è indice di saggezza trovare una domanda dopo una risposta (Milan Kundera). E si dice anche che giornalisticamente è un dovere porre delle domande ed è cortesia rispondere. Lascio un po’ tutti a riflettere sulla celebre frase del grande scrittore ceko. Continua a leggere