Mimmo Carratelli

Mimmo Carratelli

Giornalista e scrittore. È stato inviato speciale e caporedattore al “Roma” di Napoli, a “La Gazzetta dello Sport”, al “Corriere dello Sport-Stadio”, a “Il Mattino”, oltre che vicedirettore del “Guerin Sportivo”.

Al 19  ancora Higuain  è 2-2.

El Pipita, il rigorista
che non sa battere i rigori

 di Mimmo Carratelli

L’analisi di Napoli-Lazio, le pagelle degli azzurri.Quarto rigore sbagliato dal Pipita che avrebbe potuto dare alla squadra l’ultima chance Champions.

_99194_n27

ANDUJAR 4,5 – Poco reattivo sul primo gol, sfiora il pallone di Parolo che subisce anche una deviazione di Inler. Incerto nell’opporsi a Candreva sul raddoppio. Bruciato da Onazi sulla terza rete. Un solo intervento, quando ruba palla a Basta (89′).

MAGGIO 6,5 – E’ l’azzurro che ha più corsa, voglia, determinazione. Costringe Felipe Anderson a ripiegare e a fare il terzino. Spesso raddoppiato da Lulic. Ma va avanti in bellezza. In difesa, recupera sempre. In attacco, è l’azzurro che spinge di più. E guadagna il rigore, con una tenace penetrazione nell’area laziale. Steso da Lulic. Ma Higuain manderà in fumo il sogno.

ALBIOL 5,5 – Lascia spesso che sia Koulibaly a fronteggiare Djordjevic. Sicuro in più di una chiusura difensiva. Va avanti per lanciare le punte, non sempre i palloni arrivano a destinazione. Ma cerca di dare forte sostegno all’attacco. Nel finale non chiude sul gol di Onazi e salta a vuoto sulla rete di Klose, ma ormai la partita era segnata, tutta la squadra non c’era più.

KOULIBALY 4,5 – Sportellate con Djordievic e ammonito al 18′. Si spinge in attacco, ma è una vera imprudenza quando Lulic gli intercetta il passaggio e lancia Candreva per il raddoppio laziale. Poi strappa ad Anderson il pallone e avvia l’azione del pareggio azzurro. Continua a farsi vedere avanti e con forza penetra nell’area di Marchetti a sinistra, salta un avversario dietro l’altro, poi sbaglia l’appoggio tentando una conclusione impossibile (72′). Si era sul 2-2. E c’era Gabbiadini all’altezza del dischetto ad aspettare l’assist del francese. A partita compromessa, non è presente negli ultimi due gol della Lazio.

GHOULAM 4,5 – Spinge con meno decisione sulla sinistra e trova in Basta un ostacolo alto. Candreva non c’è mai sul suo lato perché si accentra. I cross non sono mai incisivi. Prende un secondo “giallo” e viene espulso (70′) facendo perdere al Napoli la superiorità numerica dopo il “rosso” a Parolo.

DAVID LOPEZ 5 – Va subito al tiro da buona posizione, ma batte alto (22′). Gioca una discreta partita perché fa più movimento degli avversari, ma conclude poco e gli inserimenti in attacco non sono mai efficaci.

20150531_99194_n22

INLER 4 – Per battersi, si batte. Mette la sua famosa maschera da leone. Intercetta, lotta, fa falli. Recupera palloni e altri ne perde. I lanci non sono mai calibrati. Parolo, che era il suo marcatore, va a segnare il primo gol della Lazioe ne devia anche il tiro. Finisce col giocare in confusione con continui interventi fallosi nella ripresa. Esce perché non c’è più in partita.

GABBIADINI 5 – Entra per Inler (53′), ma si vede poco. La difesa laziale fa grande intensità, non gli concede spazio. Gravita sulla destra. Impegna una sola volta Marchetti, dalla distanza. Gran sinistro e respinta del portiere.

20150531_99194_n12

 

CALLEJON 4,5 – Sbaglia clamorosamente a porta vuota, dopo avere evitato Marchetti (24′). Poteva essere il vantaggio del Napoli e mettere la partita in un altro verso. Sugli spunti offensivi è chiuso da Gentiletti. Retrocede per contrastare Lulic che entra in due dei quattro gol laziali. E’ suo il cross per il primo gol di Higuain. Un solo tiro, parato (58′). Fatica nei contrasti retrocedendo in soccorso a Maggio. Esce nel finale.

ZAPATA s.v. – Entra all’88’ per Callejon. Partita sul 3-2 per la Lazio. Può fare poco e poco fa.

HAMSIK 6 – In difficoltà nel primo tempo sotto il controllo quasi a uomo di Cataldi. Perde più di un pallone, arriva tardi sulla palla. Si trasforma nella ripresa quando arretra a centrocampo per l’uscita di Inler (dentro Gabbiadini). E fa da ottimo suggeritore. E’ lui a iniziare l’azione del primo gol di Higuain. Cala nel finale a partita perduta. Forse subisce fallo da Lulic che avvia l’azione del terzo gol laziale.

MERTENS 4,5 – Niente da fare contro Mauricio ed è sempre raddoppiato da Basta. Non gli riesce mai di vincere nell’uomo contro uomo. Cerca di accentrarsi per il tiro, ma la difesa laziale è super-protetta. De Vrij salva sulla linea una sua conclusione prima del raddoppio di Higuain al quale fornisce l’assist del pareggio azzurro. Esce nel finale.

INSIGNE 5 – Neanche Lorenzo ha vita facile, ma entra (77′ per Mertens) e riesce ad essere più vivace del belga, più incisivo nei contrasti e nell’uno contro uno. Impegna Marchetti con un gran tiro. Può fare poco altro.

HIGUAIN 5 – Certo, con la “doppietta”, gran gol il secondo da centravanti vero, riporta il Napoli a galla, ma fallisce il suo quarto rigore: era il possibile vantaggio azzurro. L’errore finisce col cancellare le due reti. Si fa vedere in difesa quando libera l’area azzurra sui corner, meno in attacco pur siglando i due gol. Una volta se ne va alla grande dall’area azzurra, ma non ha compagni che lo seguono e la fuga si spegne.

20150531_99194_n8

BENITEZ  s.v. – L’ultima partita sulla panchina azzurra, l’ultimo traguardo fallito. Fino alla fine non ha corretto gli errori di tenuta della squadra che ha regalato ancora il primo tempo agli avversari e si è svegliata tardi. Però tradito da Higuain che, dopo avere acciuffato il pareggio con una “doppietta”, falliva il rigore del possibile vantaggio. Inutile il cambio finale (Zapata per Callejon). E’ stato ancora un Napoli che è entrato in campo senza la grinta necessaria in una partita-chiave. Alla sua ultima partita, inutile dargli un voto. La delusione del suo secondo anno azzurro viene da lontano, dalle tante partite fallite, non da quest’ultima. Retrocedendo al quinto posto dopo il terzo dell’anno scorso conclude proprio male. L’ultimo voto a Rafa non significherebbe nulla. Alla sua stagione fallimentare il 4 è d’obbligo.

 

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Altri post dello stesso Autore