Archivio tag: Roma

222239809-0197b1ba-02eb-4474-ad25-8c333ae750fb

Doppietta Insigne e pepe

di Ernesto Santovito

Lorenzino, con la faccia da bambino, si sta prendendo a dispetto di tutto e di tutto il Napoli del dopo Higuain, una squadra senza un vero leader e se lo sta prendendo gol dopo gol, meches dopo meches, riflessi nei capelli e nell’animo di una tifoseria che, diciamo la verità, non l’ha mai amato del tutto, per quella diffidenza che spesso accompagna il ragazzino della porta accanto. Nemo profeta in patria, una verità raccontata in tutti e quattro vangeli che sentenzia che “Nessuno è profeta nella propria patria”. Continua a leggere

combo stadio

La stadiomania

 di Gerardo Mazziotti

 Quasi che gli italiani non fossero afflitti da mille problemi esistenziali ( disoccupazione, malasanità, corruzione, terremoti devastanti, criminalità organizzata, migranti, terrorismo, debito pubblico in aumento, povertà crescente e pensioni scandalose, conflittualità della classe politica e quant’altro ) i telegiornali e i giornali si ostinano a informarci ogni giorno che Dio manda in Terra delle grane giudiziarie della sindaca di Roma Virginia Raggi e delle proteste popolari contro il presidente americano Donald Trump ( hanno deciso di scendere in piazza per esprime la loro indignazione anche i miliardari divi hollywoodiani ). Continua a leggere

gol1

Azzurri falsi nueve, giallorossi con Dzeko

di Adolfo Mollichelli

Lassatece passa’ semo romani. La Roma passa al San Paolo con un secco (3-1) ed infligge la seconda sconfitta consecutiva al Napoli di Sarri che aveva sempre fatto valere il fattore campo: 19 vittorie e 3 pareggi. Nella sfida dei toscanacci in panchina, Spalletti di Certaldo si fa beffa di Sarri, nato a Bagnoli per caso, di Figline Valdarno. Era di Certaldo Boccaccio e dunque ci sta la novella delle beffe.Torna, ‘stu stadio aspetta a te! Non l’avesse mai fatto, Continua a leggere

pr-29xxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Ilary meglio di Hillary…

di Valerio Caprara

Hillary ha vinto il primo round televisivo per le presidenziali americane? Sarà. Di certo Ilary ha vinto il Grande Fratello del calcio ed ha parlato come la Lupa, sfogandosi a cuore aperto contro il tecnico ed il presidente.  Come se non fossero bastate le randellate di un ciclonico Toro (a proposito, che classe la standing ovation del pubblico per l’illustre veterano),  il sottoscritto ossessivo tifoso romanista ha dovuto subire anche quelle inferte dalla signora Blasi al già precario equilibrio di una società ormai gestita più con i bollettini della Borsa che con il fuoco della passione. Continua a leggere

pr-29

Ilary meglio di Hillary…

di Valerio Caprara

Hillary ha vinto il primo round televisivo per le presidenziali americane? Sarà. Di certo Ilary ha vinto il Grande Fratello del calcio ed ha parlato come la Lupa, sfogandosi a cuore aperto contro il tecnico ed il presidente.  Come se non fossero bastate le randellate di un ciclonico Toro (a proposito, che classe la standing ovation del pubblico per l’illustre veterano),  il sottoscritto ossessivo tifoso romanista ha dovuto subire anche quelle inferte dalla signora Blasi al già precario equilibrio di una società ormai gestita più con i bollettini della Borsa che con il fuoco della passione. Continua a leggere

14159145_10209204179614847_1104140165_n

Dilettanti allo sbaraglio

 di Ottorino Gurgo

Quanti sta accadendo a Roma non può non far riflettere e non assumere le dimensioni di un “caso nazionale”. Molti anni fa, un grande scrittore, Manlio Cancogni, su un settimanale a larga tiratura, pubblicò un’inchiesta dal titolo estremamente significativo: “Capitale corrotta, nazione infletta”. Rimarcava, in questo modo, Cancogni, che l’Italia non può prescindere da quel che accade nella sua capitale Continua a leggere

13511529_10208548403260848_672420294_n

Profumo di donna

di Gianpaolo Santoro

Non ho mai ceduto alla fascinazione del movimento 5Stelle. Ma non l’ho mai demonizzato. E, soprattutto, l’ho sempre rispettato. Lo stesso atteggiamento che ebbi vent’anni fa con la Lega, quando molti stupidamente la deridevano e ne profetizzavano lo scioglimento, il tempo d’un soffio. Oggi la Lega è il più vecchio partito italiano. Rispetto sempre e comunque il voto. Si chiama democrazia. Indigesta a molti Continua a leggere