Archivio dell'autore: Redazione

Corteo Macerata

La marcia su Roma. Il marcio su Macerata

di Gerardo Verolino

Un matto comincia a sparare a casaccio su degli uomini di colore per “vendicare”, nel suo distorto modo di vedere, la barbara uccisione di una ragazzina per mano di un nigeriano. Immediatamente le organizzazioni della sinistra più estrema decidono di organizzare una manifestazione “anti-razzista” nella località, Macerata, ma anche in altre città d’Italia, dove sono accaduti i due terribili fatti di cronaca chiamando a raccolta le forze “sane e democratiche” della nazione. Continua a leggere

68th Sanremo Music Festival 2018

Per fare un Festival
ci vuole un Fiore…

di Carlotta D’Amato

“Il festival delle parole”, questo Sanremo 2018. E’ stato il dictat del Direttore anzi Dittatore Artistico. Sarà tutto incentrato sulle parole, sulle belle parole. Il festival della musica italiana con artisti accuratamente selezionati da Baglioni. Reggere il confronto con gli ascolti della coppia Conti – De Filippi è una sfida ardua. Prima serata, si esibiscono tutti i big. Si accende la serata, sperando che si accenda anche il pubblico da casa. Continua a leggere

_ luca-traini

I “professionisti” della tensione

di Emiddio Novi

A  Macerata  dopo 40 anni, si rivede il terrorismo di Stato che costò all’Italia centinaia di morti, una guerra civile che travolse un’intera generazione.
I terroristi, anche allora, erano spesso reclutati dai cosiddetti servizi deviati. Li reclutavano, i terroristi, tra i militanti che era possibile infiltrare, ispirare, guidarli nella scelta degli obiettivi da attaccare. Continua a leggere

C_2_articolo_3121417_upiImagepp

I mandanti immorali

di Tonino Ferro 

Meglio ricordarlo: a Salvini, che è accusato di essere il mandante morale di questi fatti e non è vero; a Saviano che lo accusa e non sa che lui – teatralizzando l’odio – diventa più mandante dell’altro cretino; a Grasso, a Boldrini e all’universo dei buoni padri della patria, seduti sempre al caldo e sempre pronti a individuare quello che ci discosta dalla democrazia (come se davvero esistesse); è bene ricordarcelo anche noi che ammacchiamo i tastetti qui: Il fascismo è una scatola vuota che ciascuno riempie come vuole. (Pirandello) Continua a leggere

ombrelline_fg.jpg_997313609

Le ombrelline
e il gesto dell’ombrello

  di Gerardo Verolino

 L’ombra lunga del “Mee-Too”, il movimento delle Erinni che dall’America al resto del mondo vuole cambiare le consuetudini della nostra società riguardo alle donne, ha travolto anche il mondo dei motori. Dal prossimo anno non ci saranno più le “ombrelline” o “grid girls” o “paddock girls” cioè quelle ragazze appetibilmente e decorativamente seminude che popolavano la griglia di partenza dei gran premi automobilistici. Continua a leggere

Il rispetto delle coscienze
   La Polonia approva la legge dell’oblio, ma nulla può cancellare la Shoah

 

 di Fiamma Nirenstein

Il rispetto delle Coscienze

di Fiamma Nirenstein

Il Senato polacco è andato fino in fondo sull’onda della spinta nazionalista, che da sempre eccita il popolo polacco in modo poetico quanto illusorio e alla fine bugiardo. Ieri, senza riguardo per la storia, il Senato ha votato dopo qualche giravolta una legge per cui “chiunque dichiari pubblicamente e contrariamente ai fatti che la Nazione Polacca o la Repubblica di Polonia è responsabile o corresponsabile per i crimini nazisti commessi dal Terzo Reich… Continua a leggere

Ascarelli - Sallustro_0

Il riscatto di Ascarelli

di Eduardo Palumbo

E’ fatta. Ci siamo riusciti. E non si torna più indietro: a Napoli ci sarà una piazza intitolata a Giorgio Ascarelli, imprenditore, filantropo e fondatore del Calcio Napoli nel 1926. Ebreo, figlio dell’ex vice sindaco di Napoli per la zona Mercato e titolare di una grande industria di tessuti fondata nel 1879, Ascarelli ebbe tantissimi meriti, molti dei quali dimenticati da una città che spesso dimostra di avere memoria corta. Continua a leggere