Luisella Pescatori

Luisella Pescatori

Attrice e scrittrice, attenta alle tendenze, alla moda ma soprattutto alla Bellezza, in tutte le sue forme ed espressioni. “L'eleganza di pensiero è Arte” questo il suo motto, il suo mood

13-Abate-emigranti

La festa del Ritorno

di Luisella Pescatori

Ammetto che non ci avevo mai pensato a una “Festa del Ritorno” eppure l’ho vista per davvero la terra svuotata dei suoi giovani virgulti, sradicati e ripiantati altrove. Terra d’arte, di cultura e di panorami mozzafiato. Terra che dà frutti meravigliosi: pieni di polpa, di sostanza e non sono i bergamotti

Io li conosco i giovani meridionali, quelli del sud, che vivono e lavorano a Roma, a Torino a Milano o Londra, ragazzi che per necessità hanno dovuto lasciare casa e famiglia, alla volta di città dinamiche, produttive, vitali dove costruirsi un futuro. E in molti casi sono ragazzi di successo, con un buon lavoro e carriere avviate.

paesedeivecchi

Nel meridione ci sono paesi svuotati, quasi interi rioni fantasma, dove ci sono case abbandonate perché i vecchi proprietari sono deceduti da tempo e gli eredi, tanti e sparsi per il mondo, da generazioni, non si curano della bellezza di questi luoghi. Penso per esempio a un piccolo centro, in provincia di Reggio Calabria: Taurianova, città d’Arte, sulla provinciale che lo attraversa si affacciano ville stanche di abbandono, rovine di case sventrate dall’oblio, in alternanza con più recenti costruzioni. Il passato è di gran lunga più affascinante e architettonicamente più interessante del moderno: andrebbe solo recuperato e conservato. Ma i paesi del sud si svuotano per una logica di sopravvivenza: i giovani se ne vanno.

image

Taurianova

Ed è proprio dalla Calabria che una mamma lancia l’iniziativa: “Istituiamo la festa del ritorno, per i nostri ragazzi, per i papà e per noi mamme”. È un’idea nata per caso, con un post su Facebook, ma è diventata subito virale e in molti la stanno condividendo senza conoscere l’autrice: Rosa, una mamma di Palmi (RC) una professoressa di inglese che ha tre figli: due vivono e lavorano a Roma dall’età di diciotto anni.

12721938_973593406070769_56553883_n

Mamma Rosa con la figlia

“Penso alle mamme meridionali” scrive Rosa sul suo profilo Facebook “che ormai non festeggiano più nessuna ricorrenza se non quelle in cui fanno ritorno a casa i propri figli: ed eccole tutte, in questi giorni, arieggiare le loro camere, mettere lenzuola fresche e pulite, riempire il frigo con gli alimenti preferiti dai figli e godersi i loro abbracci, i loro sorrisi, la loro compagnia. Non c’è famiglia del sud che non ne abbia almeno uno fuori casa, chi per studio chi per lavoro, chi a Milano, Torino, Roma, chi fuori dall’Italia: figli per niente “bamboccioni” ma che, a 18 anni, hanno dovuto imparare a vivere da soli lontani da casa e dagli affetti più cari. Ed eccole, le mamme meridionali, che hanno prima visto andar via i propri padri o i propri mariti e adesso i propri figli, gioire e festeggiare in questi giorni… sarebbe il caso di sostituire le varie “Feste del papà, della mamma, Natale, Pasqua, vacanze estive” ecc… con una sola festa, l’unica che al sud si celebra davvero: “La festa del ritorno” 

E sono tante le mamme in rete che si riconoscono nel sentimento di Rosa: lei stessa si sorprende per il numero di condivisioni: la sua iniziativa sta girando per il social a colpi di like e di passaparola.

34447048_per-ciascuno-di-loro-darei-la-vita-0

 

12899661_973593472737429_1717373475_n

Si sa, nel meridione le persone hanno l’accoglienza nelle mani e il cuor contento all’arrivo di un ospite, figuratevi quando torna un figlio. E ancora da lì, da una terra troppo spesso maltrattata, mamma Rosa ricorda a tutti la bellezza dell’armonia e il gusto delle cose semplici e autentiche: le lenzuola fresche di bucato, le stanze areate d’attesa, il frigo rifocillato di prelibatezze e ce la immaginiamo Rosa mentre operosa e allegra prepara una torta per il ritorno dei suoi ragazzi o i maccarruni per celebrare intorno al desco la sacralità degli affetti.

A me piace questa idea di felicità contagiosa: una bella iniziativa piena di sentimento è sempre lodevole e ha la facoltà di unire: abbiamo tutti bisogno di un ritorno sì, alla Bellezza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn4Email this to someone

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Altri post dello stesso Autore