Archivio tag: Insigne

Lorenzo+Insigne+AC+Milan+v+SSC+Napoli+kR5QDo4w_Yfl

La solitudine del Magnifico

 di Adolfo Mollichelli

Nomen omen: Insigne. E che cosa volete di più? E poi quel Lorenzo al quale viene facile aggiungere l’appellativo di Magnifico. Un predestinato. Che però ha dovuto sottostare alle Forche Caudine (a proposito: auguri Benevento) di critiche anche abbastanza feroci. Perché Napoli è bella e cara ma da sempre nemica dei suoi figli migliori. Scettica, ama molto di più quelli che vivono extra moenia. In tutti i campi. Un giorno all’improvviso tutti ad osannare little big man, il frattese petisso, ‘o piccirillo. Mi vien da ridere pensando alle stoccatine a ripetizione che gli rivolgevano i criticonzi di tv e carta stampata: bravo, però non incide; molto tecnico ma si ostina con quel tiro a giro; un campioncino ma segna poco e fatica in copertura. Me la ridevo, perché ho sempre creduto nelle virtù del piccoletto (per chi non ci credesse, prego consultare i miei articoli in emeroteca o sul sito che con tanta pazienza mi ospita). Continua a leggere

222239809-0197b1ba-02eb-4474-ad25-8c333ae750fb

Doppietta Insigne e pepe

di Ernesto Santovito

Lorenzino, con la faccia da bambino, si sta prendendo a dispetto di tutto e di tutto il Napoli del dopo Higuain, una squadra senza un vero leader e se lo sta prendendo gol dopo gol, meches dopo meches, riflessi nei capelli e nell’animo di una tifoseria che, diciamo la verità, non l’ha mai amato del tutto, per quella diffidenza che spesso accompagna il ragazzino della porta accanto. Nemo profeta in patria, una verità raccontata in tutti e quattro vangeli che sentenzia che “Nessuno è profeta nella propria patria”. Continua a leggere

Mosca - MILAN NAPOLI FOTO MOSCA

Davide & Golia a San Siro

di Adolfo Mollichelli

Colpo grosso nel casinò cinese (?) di Milano. Napoli inarrestabile. Due gol d’alta scuola, di Insigne e di Callejon e ciao ne’, ci rivediamo l’anno prossimo. Si comincia a credere che faccia sul serio Sarri quando dice che non firmerebbe per il secondo posto. La sfida a Roma e Juve è stata ufficialmente lanciata. Non ci si può più nascondere dietro all’alibi del fatturato. Continua a leggere

2108825_fotosud_-_notitle21

Napoli prigioniero di Sarri

di Ernesto Santovito

Il Sassuolo che fuori casa navigava in piena tempesta e nel buio più assoluto, dopo la vittoria a Palermo nella prima di campionato, nelle restanti sei trasferte aveva racimolato solo un punticino e che perdeva da ben quattro partite consecutive a Napoli è riuscito a non perdere senza rubare niente a nessuno, nonostante una lista di infortunati che sembrava quella di una tac al Cardarelli. Un gol (Insigne) ed un palo (Callejon) per il Napoli, un gol (Defrel) ed una traversa (Missiroli) per il Sassuolo Continua a leggere

Mosca - UDINESE NAPOLI

Lorenzino bum bum

di Adolfo Mollichelli

Spesso è capitato che il Ciuccio s’impuntasse dopo una sosta. Stavolta non è capitato. Torna al gol Insigne. Una doppietta –e sarebbe potuto essere una quaterna -, come quella volta contro il Milan. Non vinceva ad Udine da nove anni, un eternità. Allora lo stadio si chiamava Friuli. Ora è la Dacia Arena neanche fosse la città di Putin e non dei Pozzo

Continua a leggere

Fotosud -

Turchi napoletani

di Ernesto Santovito

Profeta, maestro di calcio, tecnico all’avanguardia. Sarri, l’allenatore  che tutti coccolavano anche quando diceva banalità stupefacenti, è ormai completamente in confusione, sembra navigare senza bussola al timone di una squadra che senza Higuain sembra aver perso  consapevolezza e coscienza dei propri mezzi. Si sognavano i nove punti, la chiusura anticipata del girone, la riscossa dopo la doppia battuta d’arresto in campionato. Invece il Girone si è riaperto Con azzurri a 6 punti, Besiktas a 5 e Benfica a 4 Continua a leggere

1519621_agolinsigne02

Manita di carnevale

di Ernesto Santovito

 Dalla manita d’inverno a quella di Carnevale. Il Napoli in rincorsa ( gol dell’Empoli su punizione di Paredes, deviata involontariamente da Callejon in barriera) tritura l’Empoli che finisce frastornato e confuso. E così lassù in testa è sempre più un duello con la Juve, cannibale anche a Verona con il ritrovato goleador Morata, dodicesimo successo consecutivo in campionato, eguagliato così il record di Conte Continua a leggere