Archivio tag: Papa Francesco

Ahmed al Tayyeb con Papa Bergoglio

Il Mosè palestinese
Il silenzio di Bergoglio

di Matteo Matzuzzi

Il presidente Abdel Fattah al Sisi si toglie gli occhiali da sole solo all’interno della sala dove incede la teoria di ospiti e invitati alla cerimonia d’accoglienza organizzata per il Papa di Roma, pellegrino nell’Egitto dove la convivenza millenaria tra cristiani e musulmani è ogni giorno resa più ardua dal fondamentalismo. Prima, all’esterno, tra guardie d’onore impettite e bandiere nazionali, Francesco ascolta l’Inno pontificio eseguito dalla non eccelsa banda delle Forze armate locali, che in passato aveva trasformato davanti a un François Hollande imbarazzato la Marsigliese in una nenia del tutto dimenticabile. Continua a leggere

17965509_10211252865630717_642767834_n

Preti contro preti

di Carlo Alberto Paolino

Altro che ramoscello d’ulivo, altre che domenica delle Palme, altro che segno di pace. Don Edward Pushparaj, il vice parroco indiano della chiesa  Sant’Antonio a Montesilvano, durante l’omelia, dopo la lunga lettura del vangelo sulla passione di Cristo alle parole del Signore ha aggiunto le sue. “Papa Francesco in quattro anni ha fatto solo del male alla Chiesa”. Il comportamento del Pontefice che nella settimana santa aveva fatto la lavanda dei piedi a fedeli anche di altra religione, ed in particolare ad una donna musulmana, aveva superato il colmo.   Continua a leggere

Cristianiperseguitati

La strage dei cristiani
I versetti del Corano

di Carlo Alberto Paolino

Cinquanta morti, un centinaia di feriti. Nella domenica delle Palme, l’ennesima strage di cristiani, questa volta in Egitto. Due bombe firmate dall’Isis. Il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi ha ordinato il dispiegamento di unità speciali delle esercito per garantire la sicurezza nei luoghi più sensibili del Paese. La prima delle due esplosioni è avvenuta davanti chiesa copta Mar Girgis a Tanta, a nord del Cairo, la seconda davanti alla chiesa di San Marco ad Alessandria  dove il papa copto, Tawadris, aveva detto messa poco prima. E’ una strage senza fine. Che non avrà fine. Continua a leggere

jihadismo-638x425

Una Guantanamo europea

di Giuliano Ferrara

La violenza è infame, la nonviolenza sublime. Un Papa deve predicare il sublime, anzi il divino, e l’amore. Gli stati devono proteggere la sicurezza dei cittadini, attuare norme di difesa repressiva e preventiva del terrorismo, eventualmente usare il mezzo della guerra per sradicarlo facendo uso di una violenza incomparabilmente superiore a quella degli assassini e dei nemici. Niente è più naturale e ovvio di questo inizio di articolo. Continua a leggere

Brasile, maschere di gomma di papa Francesco

La Chiesa si è arresa

di Emiddio Novi

La Chiesa si arrende al mondo. Ne accetta le logiche perverse, la neolingua mistificante e conclude che assassinare un individuo nelle fasi iniziali della sua esistenza rimane una colpa, ma non così grave da meritare una scomunica. L’aborto può essere praticato, la Chiesa del perdono modernista lo ha derubricato, si è aperta al mondo, alle Ong finanziate da Wall Street che in Africa fanno propaganda abortista e finanziano i governi che lo autorizzano e non si oppongono alle rivendicazioni del movimento gay Continua a leggere

obama-clinton

Perversioni

di Emiddio Novi

 La sinistra scende in piazza contro chi difende i poveri, i disoccupati, i 50 milioni di americani che per sfamarsi ricorrono alle mense pubbliche il ceto medio che non potendo pagare le rate dei mutui è stato spossessato della propria casa. E lo fa in nome dei cosiddetti diritti civili dei clandestini, del matrimonio gay, dell’aborto del feto a nove mesi che viene assassinato schiacciandogli la testa come una noce quando già è uscito dal ventre della madre fino all’ombelico. Lo bloccano, perché se uscisse tutto non sarebbe più un aborto, ma un omicidio. Perché la Clinton difendeva questo tipo di aborto. Continua a leggere

papa-bergoglio-francesco-616284

Il populista nero

di Giuseppe Crimaldi

“Quando la tentazione di ripiegarsi su sé stessi, oppure di rispondere all’odio con l’odio e alla violenza con la violenza è grande, un’autentica conversione del cuore è necessaria”. Eccolo qui Papa Francesco, versione “porgi l’altra guancia”. Parla ai parenti delle vittime di Nizza, quella sanguinaria strage alla Promenade des Anglais. Mai rispondere allodio con l’odio. Eppure, ricordate?,  torna alla mente quella volta che ai giornalisti disse volando verso Manila “ se qualcuno offende mia madre, gli do un pugno…”. La sensazione sempre più forte è che questo Papa si muova come un politico. Tornano alla mente versi della nostra gioventù. “Ti stai sbagliando chi hai visto non è… Non è Francesco…” Si, questo non è Pontefice che volevo… Continua a leggere