Archivio tag: Israele

424012305170417_Gerusalemme_578009968

Non ci stiamo
con questa Europa

di Maurizio Borra* e Giuseppe Crimaldi*

Abbiamo voluto rifletterci bene prima di intervenire, prendendoci alcuni giorni prima di dire la nostra. Quando, con il presidente della Federazione Italia-Israele Maurizio Borra, ci siamo sentiti al telefono per decidere se pubblicare o meno un comunicato sulla questione di “Gerusalemme Capitale”, alla fine abbiamo deciso di non lasciarci andare a dichiarazioni impulsive: anche perché ciascuno – prima di aprir bocca – dovrebbe non solo contare fino a dieci, ma soprattutto tenere connessa la lingua al cervello. Ma adesso non possiamo più tacere. Ed è giunto il momento di dire quello che pensiamoContinua a leggere

397552-thumb-full-mogheriniteheran070817_

E ci ritroviamo
dalla parte dei terroristi…

di Gianpaolo Santoro –

Torna il terrore a Manhattan, l’estremismo islamico scaglia l’ennesimo attacco agli Stati Uniti, ancora uno schiaffo a tutto l’Occidente. Ma per grazia di Dio, il bengalese che voleva trasformare anche questo Natale in una festa di sangue facendosi esplodere all’ora di punta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York, fa cilecca col suo giubbotto di morte. Arrestato grida al vento le radici del suo odio. “Una vendetta contro Israele…” Continua a leggere

ISRAEL-PALESTINIAN-JERUSALEM-CONFLICT

Gerusalemme, la Capitale delle Capitali

di Fiamma Nirenstein –

La frenetica opposizione alla possibilità che Trump decida di riconoscere Gerusalemme come capitale o persino di trasferirvi l’ambasciata non è di principio come vuole apparire, e neanche religiosa come Erdogan contrabbanda nei suoi discorsi più da capo della Fratelli musulmani che da presidente turco, tanto meno risponde alla preoccupazione che scoppi un inferno. Continua a leggere

patriarchi

L’ultimo delirio Unesco

di Giordano Stabile –

Un’altra decisione dell’Unesco sul patrimonio storico riaccende lo scontro fra palestinesi e Israele. Dopo la risoluzione che negava i legami fra ebraismo e la Città vecchia di Gerusalemme, poi attenuata, oggi è stata la volta della Tomba dei Patriarchi di Hebron, uno dei massimi luoghi santi per gli ebrei, venerata anche dai musulmani come Tomba di Abramo. Continua a leggere

Ahmed al Tayyeb con Papa Bergoglio

Il Mosè palestinese
Il silenzio di Bergoglio

di Matteo Matzuzzi

Il presidente Abdel Fattah al Sisi si toglie gli occhiali da sole solo all’interno della sala dove incede la teoria di ospiti e invitati alla cerimonia d’accoglienza organizzata per il Papa di Roma, pellegrino nell’Egitto dove la convivenza millenaria tra cristiani e musulmani è ogni giorno resa più ardua dal fondamentalismo. Prima, all’esterno, tra guardie d’onore impettite e bandiere nazionali, Francesco ascolta l’Inno pontificio eseguito dalla non eccelsa banda delle Forze armate locali, che in passato aveva trasformato davanti a un François Hollande imbarazzato la Marsigliese in una nenia del tutto dimenticabile. Continua a leggere

Hamas_Children

Un chiodo nell’anima

di Gianpaolo Santoro

C’è un passo nell’Apocalisse, quello straordinario documento dove Oriana Fallaci intervistava se stessa, che mi è rimasto impresso in modo indelebile. Un chiodo nell’anima. “…M’era parsa un’icona quell’immagine diffusa da Hamas. Una voluta imitazione dei dipinti dove Maria Vergine appare col Bambino Gesù al posto del kalashnikov. Al posto dell’Rpg (un lanciagranate portatile anticarro di fabbricazione russa ndr) una colomba. Imitazione voluta, si, e subito m’erano tornati alla mente i bambini palestinesi che negli anni Settanta (io li ho visti) l’Olp di Arafat addestrava nei campi del Libano o della Giordania. Bambini così piccoli, spesso, ricordo, che il kalashnikov lo reggevano a fatica e l’Rpg non riuscivano a infilarlo dentro la canna…” Continua a leggere

ariel-320x320

Il suicidio palestinese del Bds

di Eden Gorodischer*

Sul volto di Haytam lo sconcerto è evidente. Si capisce benissimo che sta cercando di metabolizzare ciò che ha appena appreso. Per Haytam l’occupazione è tutto: gli consente di vivere e di sostenere i suoi bambini. Senza di esso, non riesce ad immaginare che ne sarebbe della sua famiglia. Haytam è palestinese, e gli sono stati appena comunicati gli sforzi profusi per sabotare fino alla chiusura la fabbrica in cui lavora, situata nella cittadina israeliana di Ariel. Continua a leggere