Archivio dell'autore: Mino Cucciniello

222802149-09899515-b3b2-4bc3-b80a-1ae2ebf0e98c

Ma com’è triste il San Carlo
nudo e ferito anche il giorno della prima

 di Mino Cucciniello

Con qualche  minuto di ritardo dopo le diciannove, orario stabilito per l’alzata di sipario, si è inaugurata la duecentottantesima  stagione di opera e balletto del Real Teatro di San Carlo. Il teatro più antico d’Europa da tre anni, purtroppo,  mostra le sue ferite (sulle facciate esterne di piazza Trieste e Trento e sull’omonima strada), ricoperte da una rete di protezione, messa a proteggere i passanti da eventuali cadute di pietre, come quei valichi di montagna con i cartelli “attenzione caduta massi”…  Che tristezza. Continua a leggere

vegetable-party-FESTA-KROG-_030

La grande cocuzza romana

 di Mino Cucciniello -

Anton Emilio Krogh, come sempre, è riuscito a far sognare nuovamente i suoi tanti amici ,che si sono ritrovati negli spazi  della “Tevere Art Gallery” di Roma, facendoli per qualche ora ritornare bambini  e farli sognare con il mondo delle favole. Questa volta ha organizzato in occasioni del suo compleanno,  il super originalissimo “Vegetable Party”.  Continua a leggere

Mino tra Carmen Villani e Fiorella De Mennato

Chanel & Monetti
Esercitazione di stile

di Mino Cucciniello

Nell’autunno del 2016 con un grande ricevimento organizzato nel cortile dell’imponente palazzo Spinelli veniva festeggiata la riapertura , dopo un accurato restyling, della orologeria – gioielleria Monetti di via dei Mille, che oggi viene condotta esclusivamente da Gabriella Monetti e da suo marito Claudio Argenziano, che  si alternano anche nell’altro loro storico negozio di via Santa Brigida. Continua a leggere

index

Con la banda degli onesti
riapre col sorriso
la stagione all’Augusteo

 di Mino Cucciniello

Nell’anno in cui in città si sono tenute le celebrazioni per il cinquantenario della scomparsa di Totò, il teatro Augusteo di Napoli non poteva inaugurare la sua stagione teatrale in modo migliore se no con “La banda degli onesti” una piéce teatrale tratta dall’omonimo film del 1954, che ebbe come indiscusso protagonista proprio il principe della risata, perlappunto Totò Continua a leggere

22627560_90707391944149 8_81 0901870_n

Ottobrata napoletana
Passarella Bacarelli

di Mino Cucciniello

Nonostante le bellissime giornate di questo dolce ottobre con temperature quasi estive, tanto da consentire nell’ultimo weekend a tanti napoletani di potersi ancora tuffare nelle limpide acque posillipine, siamo pur sempre in autunno ormai dal ventuno settembre, e per le signore è tempo di rinnovare i loro guardaroba con i nuovi capi che vengono presentati in questi giorni dalle maggiori griffe presenti nella nostra città. Continua a leggere

22447328_904066059742284_1080023226_n

Eravamo quattro amici al bar…

di Mino Cucciniello

Luoghi di incontro, punti di ritrovo, bar che fanno tendenza. E poi solo un cumulo di macerie. Locali devastati dalle fiamme, incendi che distruggono tutto. E’ lo strano filo conduttore che ha accumunato importanti bar cittadini, dal cuore della città, al lungomare, alla collina cartolina. Storie torbide e misteriose, incendi scoppiati chissà come e perché. Ma non è di questo che ci occuperemo. Vogliamo ricordare il Cristallo, il Rosso e Nero e il Miranapoli, bar che hanno accompagnato alcune generazioni… Continua a leggere

21919147_895147857300771_1626094658_n

Ballando con Cenerentola

di Mino Cucciniello

 Da Dubai a New York, da Budapest a Vienna è tradizione dei più grandi teatri d’opera di queste città organizzare periodicamente nelle loro platee, liberate dalle poltrone, dei grandi balli. In particolare nel teatro lirico della capitale austriaca questi grandi eventi si susseguono quasi ininterrottamente sin dall’ottocento ed hanno avuto in epoche più recenti madrine d’eccezioni , tra le tante che si sono succedute ,sicuramente si ricordano le partecipazioni di Gina Lollobrigida, Sophia Loren e Claudia Cardinale. Continua a leggere

maxresdefault

E se domani…

di Mino Cucciniello

Ma non da meno di quelli di via Toledo furono i bagni di folla riservati a Mina sia a Capri quando cantava al Villa Verde sia ad Ischia dove era necessario che il suo trasferimento dall’Excelsior, l’albergo ischitano dove alloggiava, al Castello il famoso locale che la ospitava, doveva avvenire via mare per l’impossibilità di percorrere il ponte che unisce il Castello Aragonese con Ischia Ponte. Era un serpente umano, letteralmente stracolmo di fans che da molte ore prima si erano andati a prendere un posto sotto le stelle  per ascoltare il concerto. E lo stesso avveniva anche a mare . Un nugolo di barche si sistemavano nello specchio di mare antistante il locale: era l’altra faccia del concerto sulle onde. Continua a leggere

La Voce Di Mina Tra Le Piramidi Della Stazione Centrale Di Napoli

Quando a Napoli scoppiò la Mina

di Mino Cucciniello

Mina ha segnato la storia della canzone. E non solo italiana. Un’artista eccezionale, per anni è stata la più amata, invidiata, vanamente imitata. Era una diva pur non avendo le stigmate della diva, era una ragazza semplice con una voce straordinaria. Il suo amore con il pubblico non è mai finito, una storia che probabilmente non finirà mai. La sua voce non si spegnerà mai, è rimasta viva nei cuoi e nelle menti. Ed ogni suo disco è ancora un appuntamento da non perdere. E questo nonostante ormai da 39 anni abbia interrotto ogni apparizione e si sia ritirata a vita privata. Continua a leggere