Archivio tag: Valerio Caprara

ail

I sette samurai con le colt

di Valerio Caprara

Il regista Antoine Fuqua, un mestierante che ha lasciato il segno solo con il poliziesco “Training Day”, presenta  “I magnifici sette” un filmaccione che ha dalla sua un’accattivante baldanza, ma sconta purtroppo due megadifetti. Il primo è l’handicap patito dai nuovi e (troppo) trendy interpreti nell’inevitabile confronto con i big vintage Brynner, McQueen, Coburn, Bronson & company; il secondo è l’ossessione del politicamente corretto che sta avvelenando i pozzi del patrimonio hollywoodiano Continua a leggere

pr-29

Ilary meglio di Hillary…

di Valerio Caprara

Hillary ha vinto il primo round televisivo per le presidenziali americane? Sarà. Di certo Ilary ha vinto il Grande Fratello del calcio ed ha parlato come la Lupa, sfogandosi a cuore aperto contro il tecnico ed il presidente.  Come se non fossero bastate le randellate di un ciclonico Toro (a proposito, che classe la standing ovation del pubblico per l’illustre veterano),  il sottoscritto ossessivo tifoso romanista ha dovuto subire anche quelle inferte dalla signora Blasi al già precario equilibrio di una società ormai gestita più con i bollettini della Borsa che con il fuoco della passione. Continua a leggere

Closing Ceremony Press Conference - 6th International Rome Film Festival

Rondi, l’Andreotti del cinema

di Valerio Caprara

E’ scomparso Gian Luigi Rondi. E’ innegabile che la competenza scientifica, la capacità organizzativa e l’appeal esercitato nei confronti delle maggiori celebrità del cinema internazionale hanno sempre accompagnato il percorso di Rondi che, in ogni caso, è stato un gradino al di sopra dei sospetti politici e dei giudizi contrastanti. Era l’Andreotti del cinema Continua a leggere

Closing Ceremony Press Conference - 6th International Rome Film Festival

Rondi, l’Andreotti del cinema

 di Valerio Caprara

E’ scomparso Gian Luigi Rondi. E’ innegabile che la competenza scientifica, la capacità organizzativa e l’appeal esercitato nei confronti delle maggiori celebrità del cinema internazionale hanno sempre accompagnato il percorso di Rondi che, in ogni caso, è stato un gradino al di sopra dei sospetti politici e dei giudizi contrastanti. Era l’Andreotti del cinema Continua a leggere

noir-go

A scuola di cinema

di Giuseppe Cozzolino

In una Città piena di contraddizioni e di piccole/grandi conflittualità come la nostra, il “noir” è un colore obbligato. E non solo per l’immancabile risvolto criminale celebrato in libri e serie come “Gomorra”, ma soprattutto per quella cappa oscura di ambiguità e connivenze che finisce col gravare su tutti gli aspetti del nostro Vivere Quotidiano. Ma Nero (nigredo)  è anche uno dei colori del Processo Alchemico, intimamente connesso alla dimensione esoterica di questa metropoli che – a differenza di Londra o Parigi – non ha mai saputo valorizzare adeguatamente le proprie “leggende”: dal Principe di San Severo ai fantasmi che infestano i suoi palazzi storici. Continua a leggere

indivisibili-2

Indivisibili, invisibili

di Valerio Caprara

Edoardo De Angelis, dopo avere rifinito la naturale vocazione passando da “Mozzarella Stories” a “Perez”, ha gestito la full immersion in un limbo che corre il rischio di diventare attrattivo proprio perché estremamente repulsivo con accresciuta padronanza professionale, proficua intesa con i giovani e competenti produttori e una discreta spinta narrativa Continua a leggere

lina sastri e valerio caprara 1212

Mi manda Caprara

di Mino Cucciniello

Metti una sera di mezza estate a Capri, capriccio degli dei del cinema, nel ricordo di Nanni Loy e del suo splendido “Mi manda Picone”, spaccato di una Napoli dolce e fantasiosa che forse non c’è più. Metti una sera con il Capri Cine Galà di Annalisa De Paola e con Valerio Caprara che accende i riflettori su Lina Sastri, piccola grande attrice che racconta il suo debutto nel cinema e l’emozione di essere stata l’interprete della struggente “assaje” di Pino Daniele, una di quelle canzoni che vanno diritte al cuore… Continua a leggere