Archivio tag: De Laurentiis

Milioni & merda
   
 Higuain, De Laurentiis, Juve, clausola, promesse, tradimenti, tifosi e odio        
     
    
 di   Adolfo Mollichelli

Milioni & merda

 di Adolfo Mollichelli

Un giorno all’improvviso (?) Gonzalo Higuain, il bomber di tutte le reti possibili ed impossibili (36 nell’ultimo campionato, oscurato Nordhal il pompierone), il Pipita che ora chiameremo Pepita d’oro lasciò l’azzurro per vestire il bianconero. Core ‘ngrato! Un altro. La storia che si ripete. Da Zoff ad Altafini, da Cannavaro Fabio (dopo Parma e Inter) a Ferrara, a Quagliarella. Ma queste sono altre storie. Fatte di bilanci da sistemare, di casseforti da non lasciare desolatamente vuote, di pegni/impegni d’altri tempi

Continua a leggere

De Laurentiis e De Magistris stadio San Paolo-2

La cittadella e il cesso

di Ernesto Santovito

Venticinque anni fa abbiamo speso 1.250 miliardi di lire, una sbarazzina Gianna Nannini cantava “notti magiche” ed un giovane Luca Cordero di Montezemolo doveva consegnarci un’Italia mondiale, almeno nelle strutture sportive. Ma, ahimè, Italia ’90 è stata archiviata come il campionato mondiale dello spreco e delle ennesime occasioni perdute. L’emblema è il San Paolo. Continua a leggere

Lauro_presidente_napoli_01

Il tallone d’Achille

di Gianpaolo Santoro

Sarà che abbiamo vissuto il calcio in bianco e nero, quello delle radioline incollate all’orecchio e di tutto il calcio minuto per minuto; sarà che amavamo la Coppa dei campioni ed i palloni di cuoio marroncini; sarà che per noi gli arbitri erano quelli vestiti di nero e non uomini arcobaleno con lo spray. Sarà, insomma, che siamo gente di un altro calcio, quello di quando si andava allo stadio e non si stava davanti alla televisione, c’erano i giocatori bandiera attaccati alla maglia, una squadra e quella per tutta la vita. Ed i presidenti erano il Gotha dell’imprenditoria italiana, tanto ricchi, quanto scemi, dei ricchi scemi. Continua a leggere

image52

Vedi Dimaro quant’è bello…
Storie di ritiri e ritirate

di Mimmo Carratelli

Napoli nuovo, ritiro vecchio. Per il quinto anno si torna a Dimaro, in Val di Sole, nella provincia autonoma di Trento, fra i due torrenti Meledrio e Noce per le passeggiate defatiganti in acqua, in vista le pareti calcaree a picco della Dolomiti di Brenta e il granito più aspro dell’Adamello. Ruscelli e sentieri, prati verdi, abetaie e pascoli. A 700 metri sul livello del mare, l’aria è buona, ci mancherebbe, in una valle ventilata. Continua a leggere