Archivio tag: Matteo Renzi

renzi-sbaglia-il-saluto-militare-674408

L’ombra delle urne

di Ottorino Gurgo

 Nel promuovere il referendum costituzionale, Matteo Renzi proclamò,  senza mezzi termini che, qualora i “no” avessero prevalso, non avrebbe esitato a dimettersi, adombrando addirittura la possibilità di un abbandono della vita politica. Oggi ha cambiato idea: la legislatura – ha detto – dovrà proseguire sino alla sua scadenza naturale, vale a dire sino al 2018 Continua a leggere

5608974-kbwf-u43190990086941hqg-1224x916corriere-web-milano-593x443

Difesa indifesa

di Manuela d’Alessandro

Un dibattito da sempre quanto mai controverso, antico e pur sempre attuale, è quello del diritto alla menzogna. Nel celebre libro “il diritto di mentire” si sono confrontate le diverse opinioni di due grandi filosofi che rappresentano anche due differenti scuole di pensiero: Benjamin Constant e Immanuel Kant. Per Constant l’assioma etico che impone di dire sempre la verità, in qualunque caso dovrebbe avere delle eccezioni. Per Kant, invece, il rispetto della verità è uno dei principi fondanti della morale, che non può ammettere eccezioni. Ma trasportiamo il dilemma in un processo: l’imputato ha il diritto di mentire? In Italia si, negli Usa no. Su questo tema è intervenuto il procuratore capo della procura di Milano Francesco Greco.

Continua a leggere

13312763_274324296289132_4193415704586013652_n

Napoli, meze cazette e servilismo

di Paolo Isotta

La questione Bagnoli deve farci schierare con De Magistris: come napoletani, come italiani. Renzi non può, in quanto figura istituzionale, porre ricatti volti a umiliare un’altra figura istituzionale quale il sindaco di Napoli è: a prescindere dalla inimicizia politica. L’imposizione di un commissario per la bonifica di Bagnoli  è pur esso un atto di enorme arroganza istituzionale che inficia le procedure della bonifica stessa. Purtroppo la società napoletana è fatta ormai di meze cazette: e forte è il servilismo a Renzi Continua a leggere

000

Le macerie dell’ipocrisia

 di Gianpaolo Santoro

Ogni volte che la terra maledettamente trema, tremano anche le coscienze del paese. Ed è cosa buona e giusta ci mancherebbe. E’ il momento del dolore, delle ultime speranze. E’ il momento delle lacrime e dei funerali. E’ il momento della ricerca della verità e delle responsabilità, delle polemiche, del confronto e della propaganda (anche se non si dice). E’ il momento dell’ipocrisia

Continua a leggere

I Pokémon della Costituzione  
   
 Renzi, Napolitano e la Boschi sono i “mostri tascabili” del fronte referendario del Si   
     
    
 di   Eduardo Palumbo

I Pokémon della Costituzione

di Eduardo Palumbo

 “Gotta catch ‘em all!”. Acchiappali tutti. I nostri Pokémon della Costituzione, sono loro tre: Renzi, Boschi e Napolitano, i gran paladini del Si. Già perché loro tre si giocano tutto, altro che Costituzione. E a dire vero, non si risparmiano. Tutt’altro. La parola d’ordine è “acchiappali tutti i voti”. E se c’è da turare il naso, nessuno si faccia problemi Continua a leggere

13643964_10208656503163278_886369002_n

Il bluff di Matteo

 di Ottorino Gurgo

 A volte la politica assume aspetti paradossali, si muove, cioè, secondo logiche contraddittorie, incongruenti, all’apparenza irragionevoli. Dice Matteo Renzi: l’Italicum, cioè la nuova legge elettorale, non si tocca. E, attestato su una linea di assoluta intransigenza, respinge la proposta di quella parte, meno rigida, dell’opposizione, che sarebbe disposta ad appoggiare o, quantomeno, a non contestare il via libera alla riforma costituzionale renziana nel prossimo referendum di ottobre; referendum  che il presidente del Consiglio ha trasformato in una sorta di ordalia, vale a dire in una prova decisiva per stabilire la sopravvivenza o meno del suo governo.

Continua a leggere